OBB_E190_011_EC87MonacoVerona_primogiornotutilizzoTaurus_Brennero_2010_05_22_fotoPetrovitschHelmut_wwwduegieditriceit_3537Bolzano, 18 agosto 2017 – Esattamente 150 anni fa, tra il 17 e il 21 agosto 1867, i primi treni merci percorrevano  la tratta ferroviaria di 125 chilometri tra Bolzano e Innsbruck progettata dall’ingegner Carl von Etzel. Il primo convoglio con a bordo passeggeri partì invece il 24 agosto. La linea, che transita attraverso il passo del Brennero a quota 1371 metri di altitudine, ha una pendenza massima del 25 per mille e può essere percorsa alla velocità massima di 100 km all’ora. I primi viaggi duravano cinque ore; oggi, invece, ne bastano due.  “A 150 anni di distanza la ferrovia del Brennero non ha perso la propria importanza come asse di collegamento tra la Germania, l’Austria e l’Italia e come mezzo che consente raggiungibilità, scambi e qualità della vita” sottolinea il presidente Arno Kompastcher. “La ferrovia – aggiunge – è stata decisiva per lo sviluppo economico, particolarmente per il settore turistico, e per fare in modo che la nostra terra divenisse ponte tra il mondo culturale ed economico tedesco e quello italiano”.  Il tunnel di base del Brennero, lungo 55 chilometri, che è in costruzione e sarà terminato nel 2026, “permetterà di trasferire le merci su rotaia – conclude il presidente – e di velocizzare i collegamenti dell’intero corridoio TEN”.
“Noi continuiamo a lavorare – aggiunge l’assessore alla mobilità Florian Mussner -  per trasferire la maggiore quantità possibile di merci dalla gomma alla rotaia e fare della ferrovia la spina dorsale della mobilità sostenibile.  L’obiettivo è avere orari ferroviari che vengano sempre più incontro alle esigenze degli utenti, buoni collegamenti, treni moderni, e strutture senza barriere architettoniche”. Per l’assessore è anche “affascinante considerare l’aspetto pionieristico che ha avuto la costruzione della ferrovia a quel tempo”. Per ragioni di costi all’epoca la ferrovia fu costruita con il minor numero possibile di ponti e gallerie. Una serie di stazioni della tratta, come ad esempio quella di Ponte Gardena/Laion, sottolinea Mussner, sono dei “beni culturali unici molto ben conservati”.
Nell’ambito delle celebrazioni per l’anniversario, proseguono le escursioni guidate in treno fra Bolzano e il confine, in lingua italiana e tedesca, realizzate in collaborazione dall’Assessorato provinciale alla mobilità e Trenitalia (ritrovo alle 9.40 nell’atrio della stazione di Bolzano, rientro alle 12). La partecipazione alla guida è gratuita. I partecipanti dovranno munirsi (a pagamento) del biglietto. Per motivi organizzativi è richiesta l’iscrizione: tel. 347 1103535, posta elettronica kircherwalter@gmail.com . Le prossime escursioni guidate sono in calendario il 26 agosto, il 23 settembre e il 21 ottobre. Comunicato Provincia di Bolzano

 

Tags: , , , , , , ,