E404_000-ETRX500-LocomotivaRecord-Pontassieve-2009-09-26-SaccoMichele-wwwduegietriceitPontassieve 14 gennaio 2014 – Movimento di opinione pubblica sui giornali toscani e su internet per il salvataggio dalla demolizione della locomotiva E 404 000, facente parte con una carrozza, del complesso ETR X-500, protagonista il 25 maggio 1989, durante una settimana di prove, del record italiano di velocità con 319 km/h tra le pkm 180 e 174 della Direttissima Roma–Firenze (vedi TuttoTreno 12 luglio/agosto 1989), abbattendo per la prima volta il muro dei 300 km/h sulla rete ferroviaria nazionale. Ora la motrice giace a Pontassieve ma ne sarebbe stata decisa la demolizione: andrebbe così perduto un simbolo dell’AV italiana, realizzato dal consorzio Trevi di cui facevano parte ABB Tecnomasio (oggi Bombardier, Ansaldo e Breda (ooggi AnsaldoBreda) e FIAT Ferroviaria (oggi Alstom Ferroviaria). Una sorta di beffa nell’anno del 175° delle ferrovie italiane, esattamente venticinque anni dopo il record e dai 150° della Napoli–Portici. Per cercare di preservarlo si può aderire a una petizione collegandosi al link https://www.change.org/it/petizioni/fondazione-fs-italiane-ansaldobreda-salviamo-il-primo-treno-ad-alta-velocità-italiano-dalla-demolizione

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,