AFSR-ARST-Miani_e_Silvestri-DepositoMonserrato-2016-11-20-fotoAFRS-a_tuttoTRENO_wwwduegieditriceit  Cagliari, 21 novembre 2016 – Per le linee ferroviarie del servizio turistico ARST, l’estate 2016 è stata “di passione” a causa delle numerose interruzioni per cause di forza maggiore sia delle linee sia del servizio ferroviario turistico vero e proprio.
Si è temuto per la continuazione stessa del servizio, che è rimasto in bilico fino all’ultimo giorno, ed alla vista del calendario pubblicato per l’effettuazione dei treni turistici la delusione da parte di tutti, operatori ed appassionati è stata enorme.
La Mandas-Arbatax ridotta ad essere esercita nella sola tratta interna fino a Seui, lontana dal grosso dei flussi turistici della costa; la Mandas-Sorgono esercita nella sola tratta meridionale fino a Laconi, sicuramente affascinante ma non spettacolare come la parte a nord tra boschi e arditi viadotti. Sul resto delle tratte il numero di treni è stato ridotto rispetto alle più ricche annualità passate. E, punto cronico e sempre dolente nell’offerta turistica delle linee del Trenino Verde, l’assenza di servizi legati al treno stesso, per cui il viaggiatore si trova ad affrontare spesso un servizio che, a parte il treno, di “turistico” ha ben poco. Ore a bordo di un treno senza un ristoro, senza alcuna indicazione/informazione sui luoghi attraversati, rara interconnessione con le località attraversate, salvo qualche gentilezza del personale ARST che concede qualche informazione sui punti più caratteristici delle linee. Oltre a ciò come dimenticare l’innumerevole dotazione di materiale storico ancora presente (e recuperabile) nei tre depositi di Sassari, Macomer e Cagliari.
In questo contesto, 6 giovani appassionati uniti dalla stessa grande passione per le ferrovie, amanti della propria terra e innamorati delle linee a scartamento ridotto sarde, hanno deciso di unirsi e fondare l’ASSOCIAZIONE FERROVIE RIDOTTE SARDE. Visti i positivi esiti e sviluppi che sta avendo a livello nazionale la gestione del servizio treni storici con” Fondazione FS”, l’idea è proprio quella di importare e/o provare a proporre alla regione Sardegna -proprietaria dell’ARST- e all’ARST stessa, l’applicazione del positivo e virtuoso sistema operativo e cooperativo che ha permesso a “Fondazione FS” di sviluppare progetti, riaprire linee e restaurare materiale, fino a pochi anni fa assolutamente impensabile.
L’associazione nasce con questo scopo. Svegliare le coscienze, agire nel quotidiano, e tenere alta l’attenzione sulle ferrovie sarde a scartamento ridotto al fine di poter garantire l’esistenza di un centenario patrimonio che oltre il suo valore storico, può rivelarsi, come in altre realtà europee, una risorsa economica importante per i territori e le genti interessate dal suo passaggio; la proposta è quella di collaborare, a titolo gratuito, con l’Azienda al fine di veder salvo un patrimonio, con lo scopo di valorizzarlo nel migliore dei modi. Uno dei nostri primi progetti sarà il tentativo di recupero funzionale dell’ultima carrozza esistente tipo “Miani & Silvestri”.
I soci fondatori sono Giuseppe, Salvatore, Carlo, Alessio, Fabrizio e Pierpaolo; hanno creato una pagina Facebook: “Associazione Ferrovie Ridotte Sarde”. La mail è: ass.ferrovieridottesarde@gmail.com. Tel. 3737454000 Pierpaolo (Presidente), 3471376138 Salvatore (Segretario), 3462458993 Carlo (Tesoriere), 3491273494 Alessio (Consigliere).AFSR-ARST-Koppel-DepositoMonserrato-2016-11-20-fotoAFRS-a_tuttoTRENO_wwwduegieditriceitAFSR-ARST-DepositoMonserrato-2016-11-20-fotoAFRS-a_tuttoTRENO_wwwduegieditriceit

 

Tags: , , , , , , , , , , ,